Anne---Antartica---3_14.jpg

Storia

Anne---Antartica---3_14.jpg
 
 
Voglio fare luce sui danni, le crepe e le piaghe. Credo che se riuscirò a mostrarne la bellezza, forse riuscirò anche a ricomporle
 
 
Anne---Lake-Naivasha---Kenya-9_14.jpg
 
 

Anne de Carbuccia nasce a New York e trascorre l’infanzia a Parigi.

Sin da bambina Anne passa le estati in Corsica, dove sviluppa un profondo interesse per la natura. Il padre è editore e amico di celebri esploratori come Jacques Cousteau e Alain Bombard e durante le vacanze Anne ascolta le storie delle loro avventure nella natura, piene di sapere scientifico e di cultura.

Anne studia alla Columbia University di New York City, dove si laurea in Storia dell’Arte e Antropologia. Durante gli studi si interessa all’Antropocene, l’era del uomo come forza geologica, e ai suoi pericoli per il pianeta.

Durante una spedizione in Antartide le viene l’idea di realizzare i TimeShrines (sacrari del tempo), installazioni temporanee create in luoghi simbolici e fotografate per mantenerne la memoria.

Attraverso i TimeShrines Anne mette in relazione la natura morta della Vanitas, tema artistico del sedicesimo secolo, con i sacrari, una delle forme primigenie di espressione spirituale e artistica dell’uomo.

Alla spedizione in Antartide seguono molte altre, e durante gli ultimi quattro anni Anne produce più di cento immagini, raccolte nel progetto artistico One Planet One Future. Attraverso le opere di One Planet One Future Anne richiama l’attenzione sulla crisi ambientale e climatica che stiamo vivendo e promuove il cambiamento a favore di stili di vita più sostenibili per il nostro futuro.